A Roma c’è una Piazza che prende il nome da una statua: la statua di Pasquino, che dal 1500 quando fu rinvenuta in uno scavo, ospita appesi al suo collo cartelli con satire in versi da parte del popolo, irridendo papi e potenti. Sono le ormai famose “pasquinate”. Qualche giorno fa, attaccata alla statua di Pasquino, è comparsa questa pasquinata, a firma di un anonimo:

 

 

‘A Bicifestazzione

‘Na vorta su sta piazza giocaveno li monelli,
a ruzzica, a campana, a ‘cchiapparella, a nizza;
invece mo ce so le machine de quelli
che je pesa ‘r culo puro pe’ magna la pizza.

Nun era mejo prima der motore
quanno c’avevi tempo e spazzio?
Dici ch’è ‘na machina ma pare più ‘n trattore
E ar benzinaro je devi paga’ ed dazzio.

T’ ‘o ricordi qunn’eri regazzino?
Corevi alégro da matina a ssera
mo stai ‘n fila ner traffico assassino
e te porti appresso ‘na tonnellata de lamiera.

E daje ma che nun te ne accorgi?
L’aria puzza che nun pòi mette er naso fora.
La fine de l’ingorgo nun lo scorgi
E pe ffa’ ‘n metro ce metti ‘na mezzora.

Libbera sta piazza e l’artre puro
famme ‘n favore e fammelo de fretta
se de li regazzini voi servà er futuro
butta sta machine e arisali in bicicletta.

Ringraziando questo anonimo autore, ci viene da ringraziarlo: non è forse il sistema che ha riempito le strade delle nostre città di automobili e smog sottraendolo alla vita, un moderno potere che sfrutta e opprime le persone?

Condividi con i tuoi amici